depurarsi-in-modo-naturale

Colesterolo alto cosa mangiare e quali cibi evitare menù

Colesterolo alto cosa mangiare? Cibi consigliati e alimenti da evitare.

Sapere cosa mangiare in caso di colesterolo alto è molto importante per poter riportare a un punto ottimale. Prima di parlare di cosa mangiare per combattere il colesterolo alto, vediamo cosa è il colesterolo.

Colesterolo alto cosa mangiare

Colesterolo alto cosa mangiare

Il colesterolo è un grasso che partecipa ad alcune fondamentali funzioni organiche, quali la costruzione delle membrane cellulari, la sintesi di Vitamina D, importante per la salute delle ossa, la formazione di ormoni quali testosterone ed estrogeni.

Si sente spesso parlare di colesterolo alto, dieta contro il colesterolo alto, dieta anticolesterolo e di colesterolo buono e cattivo ma facciamo un pò di chiarezza e iniziamo a fare distinzioni tra colesterolo buono e cattivo.

Colesterolo alto, cosa mangiare e quali cibi evitare

Colesterolo alto, cosa mangiare e quali cibi evitare?

Colesterolo: quello buono e quello cattivo

Una volta prodotto al livello del fegato, il colesterolo viene trasportato attraverso il sangue dalle lipoproteine, distinte in HDL e LDL.

Le prime rimuovono dai tessuti il colesterolo in eccesso per trasportarlo nuovamente al fegato dove verrà metabolizzato, mentre le seconde lo trasportano dal fegato al corpo favorendo la formazione di depositi di colesterolo nelle arterie, e dunque di placche aterosclerotiche.

Ecco perché si parla di “colesterolo buono” (HDL) e di “colesterolo cattivo” (LDL), in base alle lipoproteine che lo trasportano.

Eccessi di lipoproteine LDL e, di conseguenza, di colesterolo nel sangue danno luogo al fenomeno dell’ipercolesterolemia, causa di una maggiore esposizione a malattie cardiovascolari quali ictus, angina pectoris, infarto, etc.

L’ipercolesterolemia è in grado di innescare un processo silenzioso e asintomatico che, tuttavia, può improvvisamente manifestarsi sotto forma di malattia. Mantenere un livello normale di colesterolo nel sangue è dunque fondamentale per preservare il proprio stato di salute.

Abbiamo trovato online una Guida che sembra davvero efficace per Abbassare il Colesterolo, scopri di più cliccando qui sotto:

Colesterolo alto cosa mangiare

Dal momento che il nostro organismo è in grado di produrre tutto il Colesterolo necessario per il proprio fabbisogno, noi non abbiamo bisogno di aggiungerlo alla nostra dieta. Il Colesterolo è presente in tutti i cibi di derivazione animale: carne rossa, pollame, pesce, uova, latte, formaggio, yogurt e ogni altra carne e derivato del latte. Questi cibi devono quindi essere evitati. Nessun alimento di derivazione vegetale, per contro, contiene Colesterolo.

Il solo modo di mantenere il cuore in buona salute è quello di condurre uno stile di vita sano che comprenda una dieta vegetariana variata e con pochi grassi, attività fisica giornaliera, e riduzione dello stress.

E ora le buone notizie: La malattia coronarica può essere fatta regredire

Il 21 luglio 1990 The Lancet ha pubblicato i risultati degli Studi del Dr. Dean Ornish, che dimostrano come il decorso clinico della cardiopatia (ischemica, NdT) può realisticamente essere invertito senza ricorrere a farmaci. Fino ad allora, la maggior parte dei medici non aveva mai tentando di invertire il decorso della cardiopatia, sebbene fosse, come è tuttora, la più comune causa di morte. [Fonte]

Colesterolo alto cosa mangiare? Ecco Dieta vegana anticolesterolo

Lo stile di vita, i livelli di stress e fattori ereditari possono influire significativamente sui valori del colesterolo e determinare una maggiore o minore predisposizione alle malattie cardiovascolari. Tuttavia, chiunque soffra di colesterolo alto sa che il modo più semplice per contenere i livelli di lipoproteine nel sangue è quello di seguire un’alimentazione sana e povera di grassi saturi, grassi trans e colesterolo alimentare.

Sostanze come i grassi saturi determinano una progressiva ostruzione e dunque il deterioramento dei vasi sanguigni e del cuore, causa di gravi rischi per la salute.

Tra i diversi regimi alimentari promossi da medici, dietologi ed esperti in scienze dell’alimentazione per “combattere” il colesterolo alto, cioè quello cattivo, si va affermando sempre di più la dieta vegana, proprio in quanto rinuncia completamente agli alimenti di origine animale sostituendo i grassi saturi con quelli polinsaturi di origine vegetale e le proteine animali con quelle vegetali.

I cibi vegetali agiscono in modo ottimale contro il colesterolo alto hanno il grande vantaggio di non avere, tra i propri elementi costituenti, molecole di colesterolo, circostanza a cui è legato il grande successo della dieta vegana non solo per dimagrire, tra le persone affette da ipercolesterolemia.

Colesterolo alto cosa non mangiare?

Addio, dunque, alla carne (rossa e bianca), al pesce, ai crostacei e ai frutti di mare, al latte, ai latticini e ai formaggi, alle uova e al miele. Via libera, invece, a cereali integrali, legumi, frutta fresca e secca, verdure, spezie, tè e infusi a base di erbe.

Guarire con la Dieta Vegan
Un seminario con straordinarie informazioni per la salute e il benessere del corpo

Consigli nutrizionali importanti per la salute di tutti

Michela De Petris illustra l’importanza della dieta nella regressione e nella stabilizzazione della malattia, così come nella sua prevenzione. Analizza, inoltre, il rapporto tra alimentazione e chemioterapia, elencando gli studi e i casi clinici in cui una dieta povera di proteine animali si è rivelata determinante per la guarigione del paziente oncologico; e approfondisce il concetto di dieta verde: regime

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

 Veganismo e questione proteica

Il punto critico della dieta vegana, secondo gli scettici, è rappresentato dallo spettro aminoacidico, poiché gli alimenti vegetali non sono in grado, separatamente, di garantire l’apporto di tutte le catene di aminoacidi, cosa che, invece, sarebbe in grado di fare la carne. Ad esempio, se i cereali sono ricchi di metionina ma non di lisina, l’esatto contrario avviene nel caso delle leguminose.

La soluzione per non avere paura delle carenze

La soluzione, tuttavia, è molto semplice ed intuitiva: basta combinare tra loro i diversi tipi di alimenti vegetali, ad esempio cereali integrali e legumi o cereali e frutta secca, per ottenere uno spettro aminoacidico completo.

Piatti come riso integrale e piselli, avena e soia, pasta e fagioli, insalata e noci, possono facilmente risolvere l’inconveniente delle combinazioni proteiche, con il grande vantaggio di non portare con sé, a differenza della carne, un carico notevole di acidi grassi saturi e colesterolo.

La cucina vegana garantisce invece un significativo apporto di fibre, sali minerali e vitamine, oltre a soddisfare il fabbisogno di carboidrati, proteine e grassi di origine vegetale.

Alimentazione vegana anticolesterolo menù

Colesterolo alto cosa non mangiare? Modello di dieta vegana dal lunedi alla domenica

Ecco un semplice schema di dieta vegana anticolesterolo da osservare per una settimana. Le quantità variano in base all’età, al genere, allo stile di vita e all’attività fisica praticata. Il condimento va aggiunto in quantità moderate, facendo uso di olio extravergine di oliva, poco sale (in alternativa gomasio), spezie.

Lunedì

  • Colazione: 300ml di latte di soia o, in alternativa, di avena, riso, farro, kamut, mandorla + 40 gr di avena o fiocchi d’avena + due biscotti fortificati arricchiti di minerali vitamine
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Pranzo: pasta integrale con fagioli secchi bolliti e passata di pomodoro
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Cena: Tofu + pane di segale

Martedì

Mercoledì

  • Colazione: 300ml di latte vegetale + 40 gr di corn flakes arricchiti con vitamine e sali minerali
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Pranzo: polenta a fettine + salame vegetale
  • Colazione: 300ml di latte vegetale + 40 gr di muesli
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Cena: Arrosto di seitan + pane di segale

Giovedì

  • Colazione: 300ml di latte vegetale + 40 gr di avena o fiocchi d’avena + due biscotti fortificati arricchiti di minerali vitamine
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Pranzo: Pizza marinara
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Cena: Hamburger di soia + pane di segale

Venerdì

  • Colazione: 300ml di latte vegetale + 40 gr di muesli
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Pranzo: Pasta integrale o cereali integrali + ceci secchi bolliti
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Cena: Hamburger di quinoa + pane di segale

Sabato

  • Colazione: 300ml di latte vegetale + 40 gr di corn flakes arricchiti con vitamine e sali minerali
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione oppure meglio ancora un centrifugato dimagrante
  • Pranzo: polenta a fettine + affettato vegetale
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Cena: Arrosto di seitan + pane di segale

Domenica

  • Colazione: 300ml di latte di soia o, in alternativa, di avena, riso, farro, kamut, mandorla + 40 gr di avena o fiocchi
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Pranzo: Pizza marinara
  • Spuntino: 200 gr di frutta fresca di stagione
  • Cena: Tofu + pane di segale

Naturalmente, prima di iniziare qualsiasi tipo di dieta, si consiglia sempre di consultare uno specialista naturopata ed esperto di alimentazione naturale.

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *