depurarsi-in-modo-naturale

Cumino pianta tipologie e benefici

Cosa si può dire in merito a cumino benefici? Se sei qui, significa che vuoi sapere qualcosa di più su questa pianta e sulle sue straordinarie proprietà. Fantastico! Per aiutarti a capire meglio la situazione, abbiamo creato una guida che riassume in parole molto semplici i benefici di questa straordinaria spezia.

Cumino pianta tipologie

Cumino pianta tipologie

 

Cumino pianta: tipologie e come possiamo trovarlo in natura

Il cumino è una spezia tanto diffusa quanto apprezzata. In natura si può trovare sotto forma di semi che, in seguito ad appositi trattamenti, vengono macinati o pestati. Quando si utilizza il termine cumino si inquadrano anche altre tipologie di piante, ossia le seguenti:

  • Cumino propriamente detto, del quale illustreremo i benefici in questo articolo. I suoi semi sono piccoli, scuri e caratterizzati da una forma ovale.
  • Cumino dei prati, conosciuto anche come cumino tedesco. Rispetto al cumino propriamente detto ha semi più piccoli e scuri.
  • Cumino nero persiano, contraddistinto da semi lunghi, dalla forma curva e dal colore grigio. Lo troviamo solo in alcune zone del Medio Oriente.
  • Cumino nero bengalese, conosciuto anche con il nome di Nigella Sativa e con semi neri a forma di piramide.

Tra i loro impieghi, è possibile ricordare la ricetta del curry. In ogni caso non ci si ferma certo a questo aspetto. Il cumino, infatti, è ricco di proprietà benefiche che vale la pena approfondire. Seguici nelle prossime righe per scoprire le principali.

Benefici del cumino: alla scoperta dei più importanti

Benefici del cumino

Benefici del cumino

Quando si parla dei benefici del cumino, è necessario innanzitutto ricordare il contenuto di antiossidanti, sostanze che aiutano a tenere sotto controllo i radicali liberi e a prevenire l’invecchiamento ma anche i tumori. Questo beneficio vale soprattutto per i semi consumati interi.

Le proprietà degne di nota non finiscono certo qui. Il cumino, infatti, è anche ricco di ferro, il che è ottimo soprattutto per chi soffre di anemia.

I semi di cumino, inoltre, aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo cattivo LDL, nemico del cuore e delle arterie. Proseguendo con l’elenco dei benefici del cumino è fondamentale citare la loro capacità di favorire la digestione. Grazie alla loro assunzione, infatti, è possibile stimolare la produzione di enzimi che, a loro volta, migliorano il metabolismo.

Stimolando la digestione e il transito intestinale, i semi di cumino aiutano a disintossicare l’organismo e ad eliminare più in fretta le tossine.

Quando si elencano i loro benefici, è il caso di citare anche lo straordinario potere riscaldante, vero e proprio toccasana durante la stagione invernale. Come non rammentare poi che il consumo dei semi di cumino è consigliato per tenere sotto controllo il gonfiore addominale? per chiudere in bellezza questa parentesi dedicata ai semi di cumino, facciamo un cenno alle loro proprietà sedative.

Dai semi del cumino si ricava un olio essenziale anch’esso ricco di proprietà benefiche. Quest’ultimo viene utilizzato in diversi casi. Tra le situazioni in cui è più utile, è possibile ricordare la cura dei fastidi respiratori, ma anche la prevenzione e il trattamento naturale di tosse e raffreddore.

I campi di utilizzo dell’olio di semi di cumino non finiscono certo qui! Da ricordare, infatti, è il suo impiego per i massaggi in quanto ottimo rilassante per i muscoli.

Cumino per dimagrire: cosa c’è di vero?

Quando si parla dei benefici del cumino, si cita spesso la sua efficacia dimagrante. Cosa c’è di vero in tutto questo? Tante cose. Come già detto, il cumino è una spezia che stimola il metabolismo. Riesce inoltre ad aumentare il calore del corpo, aspetto che, a sua volta, aiuta tanto a bruciare calorie.

In virtù di questo meccanismo vengono bruciati quei grassi che non vengono smaltiti ma normalmente depositati soprattutto a livello addominale. Alcuni studi scientifici hanno indagato meglio questo aspetto, arrivando a concludere che, grazie ai semi di cumino, è possibile ridurre anche del 25% il grasso corporeo.

L’azione del cumino risulta particolarmente efficace se associata all’assunzione di finocchio selvatico, anice e zenzero.

Per sfruttare al massimo queste proprietà ci sono diverse alternative. Si può gustare il cumino come ingrediente per il curry e per il masala. I semi di cumino vengono utilizzati anche per la preparazione del pane tradizionale, ma anche per alcune salse piccanti. Non c’è che dire: le soluzioni per gustarlo e godere dei suoi benefici non mancano!

Ricorda di iscriverti alla nostra newsletter e di seguire la nostra pagina Facebook

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *