depurarsi-in-modo-naturale

Farina di canapa usi e proprietà

Farina di canapa utilizzi e proprietà nutrizionali

Per la sua struttura molecolare e per una versatilità che la rende buona per tutti, a tutte le età, la farina di canapa rappresenta oggi una più che valida alternativa alla farina di frumento di tipo 00.

Dal sapore che ricorda piacevolmente la nocciola, la farina di canapa questa varietà è ottima per fare il pane, le focacce, i biscotti, i dolci e anche il latte, prodotti salutari ma anche gustosi. Il Ministero della Salute, sulla scia dei discorsi umanitari fatti da organizzazioni no profit ed onlus mondiali sulla salute e il benessere psico – fisico delle popolazioni, ha emanato circolari a favore del consumo della farina di canapa.

 La farina di canapa è molto meno calorica e quindi anche più proteica rispetto alla farina di grano comune, la farina di canapa, detta anche panello, è ottenuta con la macinazione dei semi di Cannabis Sativa L. avanzati dalla spremitura per l’estrazione dell’olio.

Una volta era il cibo destinato all’allevamento del bestiame, oggi invece la farina di semi di canapa è inserita con successo nell’alimentazione dell’uomo e, in particolare, si rivela perfetta per alcune particolari categorie di consumatori che per via di stili di vita, scelti o imposti, aprono i loro orizzonti verso altre frontiere alimentari.

farina di canapa

farina di canapa

La farina di canapa risponde in maniera positiva alle più diverse esigenze alimentari perché le sue caratteristiche nutrizionali proteggono da intolleranze o allergie e rispettano alcuni dogmi anche religiosi.

Perfetta per coloro che sono intolleranti al glutine, la farina di canapa, le cui proteine non comprendono gliadina e glutenina, può essere un ingrediente base per gli impasti di dolci e rustici destinati ai celiaci.

Accettata anche da chi segue un’alimentazione crudista, la farina di canapa si presenta anche nella dieta kosher di orientamento ebraico ed è un alimento che si può reperire al supermercato nel reparto dei prodotti di agricoltura biologica, equo-solidali e a chilometro zero perciò l’impatto ambientale è molto contenuto.

Approvata dalla FAO/OMS (Food and Agricolture Organization – Organizzazione Mondiale della Sanità) per quanto riguarda l’apporto nutrizionale necessario per la salute dei bambini nei primi anni di vita, la farina di canapa strizza l’occhio anche ai vegani che ne mangiano per la sua componente peptidica prevalente, quella tipica delle leguminose.

Proteine della canapa come energizzante naturale

proteine della canapa

proteine della canapa

Nel dettaglio di seguito tutti i nutrienti contenuti nella farina di canapa che la rendono un toccasana per il benessere di donne, uomini, anziani e bambini.

L’energia apportata dalla farina di canapa proviene per il 49,5% dalle proteine e NON dai carboidrati come si verifica con la farina di grano. Questa caratteristica la rende più digeribile come alcuni cereali e legumi di uso quotidiano.

Presenti in buona percentuale gli acidi grassi essenziali come gli Omega6 e gli Omega3, in rapporto 3 a 1 così come raccomandano gli esperti, la farina di canapa unita all’olio di canapa e a quello extravergine di oliva, offre un mix tutta salute.

Nella farina di canapa non mancano le fibre, presenti in abbondanza, e i sali minerali come potassio, ferro, magnesio e zinco, e la vitamina E.

Insieme all’olio di semi di canapa sono da considerarsi un vero e proprio vaccino che aiuta a rinforzare il sistema immunitario e a renderlo più resistente ad infezioni ed infiammazioni. Se inserita nella propria dieta giornaliera, la farina di semi di canapa, secondo i risultati di molte ricerche a riguardo, svolge anche un contributo a favore del benessere del sistema ormonale e del sistema nervoso.

Su questo aspetto occorre qualche parola in più.

Per quanto concerne il controllo e la regolazione degli ormoni, la farina di canapa risulta utile nella lotta contro la depressione e, in particolare, in quella che può presentarsi dopo il parto.

Si stenta a crederci ma questo tipo di farina è prezioso anche per preservare la salute della memoria e dare una mano a concentrarsi di più.

Contribuisce alla salute del cuore e quindi protegge l’organismo dall’accumulo di colesterolo cattivo nel sangue (LDL) e quindi nelle arterie che arreca danni nel tempo al sistema cardiovascolare attraverso trombosi e arterosclerosi in generale. E’ inoltre un alimento che fornisce uno scudo contro le patologie metaboliche più diffuse oggi come il diabete e la colesterolemia.

Combatte e previene la fastidiosa stitichezza per l’abbondante presenza di fibre alimentari che introdotte quotidianamente agiscono sulla regolarità intestinale e, per la gioia di alcune donne, sembra essere miracolosa per la Sindrome pre-mestruale.

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

... ...