depurarsi-in-modo-naturale

Influenza: anche i donatori di sangue potranno vaccinarsi

Domani parte la campagna di vaccinazione contro l’influenza offerta gratuitamente a tutti quei soggetti che si trovano in condizioni di particolare rischio. Una novità importante del 2018 riguarda la possibilità di vaccinarsi anche per i donatori di sangue.

Influenza: chi è più a rischio?

Quando si parla di influenza e in particolare di vaccino, è fondamentale individuare i soggetti a rischio. In primo piano si trovano gli over 65, ma anche i bambini piccoli e i soggetti che soffrono di malattie croniche, che possono vedere un peggioramento a seguito dell’insorgenza della patologia influenzale.

Come già detto, da quest’anno potranno vaccinarsi anche i donatori di sangue. Per questi pazienti sarà fondamentale presentarsi dal medico di base muniti di tesserino di riconoscimento.

influenza

Vaccino quadrivalente dopo le polemiche dell’anno scorso

Dopo le polemiche insorte lo scorso anno per via del vaccino trivalente, quest’anno si procederà alla somministrazione di un vaccino quadrivalente, come previsto dalle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Da due anni a questa parte sono stati coinvolti anche i farmacisti che, sulla base di specifici accordi, hanno il compito di consegnare i vaccini ai pediatri e ai medici di medicina generale.

Precauzioni

Per combattere l’influenza il vaccino è importante, ma ci sono anche altre utili precauzioni. Tra queste è possibile ricordare il fatto di lavarsi spesso le mani, accorgimento essenziale per prevenire le affezioni a livello respiratorio.

Essenziale, se possibile, è anche coprirsi la bocca e il naso quando si starnutisce si tossisce, ma anche rimanere a casa nei giorni più intensi della malattia, onde evitare di contagiare le persone con cui si entra in contatto.

Ora come ora il picco è ancora lontano, ma il virus sta accelerando. Ha infatti già messo a letto più di 185mila persone, con 67mila casi solo nell’ultima settimana. Gli esperti consigliano di non esagerare con l’assunzione di antibiotici.

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *