depurarsi-in-modo-naturale

Monuril in gravidanza: uso, dosaggio e effetti collaterali

Il Monuril è un farmaco ad azione antibatterica molto utilizzato per trattare alcuni disturbi particolari quali cistiti e infezioni al tratto urinario. Il farmaco può essere acquistato dietro prescrizione medica e la sua efficacia è davvero sorprendente in quanto basta pochissimo tempo per contrastare le infezioni.

Ma la domanda che molto spesso le donne in stato di gravidanza si pongono è se è possibile utilizzare il suddetto farmaco durante la gravidanza. Così come tutti i medicinali che si rispettino, anche per Monuril vige la stessa regola, ossia, bisogna utilizzarlo sono ed esclusivamente se c’è una reale necessità e comunque sotto stretto controllo medico.

Si può prendere il Monuril in gravidanza?



Ad oggi non ci sono riscontri scientifici che attestino che il Monuril possa apportare al feto  effetti collaterali, per cui può essere utilizzato senza rischi,  ma come ribadito poc’anzi, sempre sotto stretto controllo medico. Vediamo nello specifico tutto ciò che bisogna sapere sul suddetto farmaco.

Monuril in gravidanza cos’è?

Monuril è un antibiotico che ha la funzione di contrastare le infezioni a carico del tratto urinario e cistiti. Grazie al principio attivo di cui è composto, la fosfomicina, la problematica viene risolta nel giro di breve tempo.

Monuril in gravidanza benefici

I benefici arrivano quasi subito dopo la prima assunzione di questo antibiotico per cistite. Nella confezione sono presenti due bustine. Se il problema è di lieve entità basterà utilizzarne soltanto una, ma se il problema è più severo, in tal caso occorrerà prendere la seconda bustina a distanza di 24 ore dalla precedente. 

Monuril in gravidanza: dosaggio e usi

La sua assunzione è molto semplice: basta sciogliere il medicinale in un bicchiere d’acqua o di una bevanda a propria scelta, che può essere una tisana o un infuso. E’ bene sottolineare che questa pratica andrà eseguita la sera preferibilmente prima di andare a dormire e dopo aver svuotato la vescica. Così la paziente avrà modo di rendere più efficace la concentrazione di antibiotico all’interno della stessa.



Ma per massimizzare ancora di più i suoi effetti si consiglia di assumere il farmaco due ore dopo aver consumato i pasti,  o 1 ora prima di consumarli. Perchè occorre porre attenzione a questa accortezza? La risposta è molto semplice: il cibo durante la fase digestiva tende a ritardare l’assorbimento del principio attivo, così facendo i benefici si inizieranno a riscontrare dopo diverse ore.

Per quanto riguarda il dosaggio, basta prendere soltanto una bustina la sera. All’occorrenza sarà possibile assumere pure l’altra ma soltanto dopo che siano trascorse le 24 ore dalla precedente e preferibilmente è consigliabile assumerla allo stesso orario.

Monuril in gravidanza: effetti collaterali e controindicazioni, ce ne sono?

Generalmente il Monuril viene ben tollerato dall’organismo. Ma come tutti i farmaci, anche in questo caso, si potrebbero manifestare degli effetti indesiderati  soprattutto se si è intolleranti verso il principio attivo o verso uno degli eccipienti.

Tra i vari effetti collaterali, dunque, annoveriamo (anche se sono molto rari):

  • Nausea;
  • Vomito;
  • Bruciore di stomaco;
  • Diarrea

I sintomi suddetti tendono a scomparire quando non si assume più il prodotto.

Monuril prezzo

Il Monuril può essere acquistato in farmacia dietro presentazione della ricetta medica oppure online sui siti specializzati. Per quel che riguarda il prezzo, indicativamente è sui 7.86€. L’antibiotico si trova soltanto sotto forma di bustine.


Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *