depurarsi-in-modo-naturale

Trapianto di polmoni da una fumatrice: la ricevente muore dopo due anni

Una donna affetta da fibrosi cistica è stata sottoposta a un intervento di trapianto di polmoni. Peccato che gli organi provenissero da una fumatrice. L’epilogo non è stato dei migliori. La ricevente, infatti, è deceduta dopo due anni dall’intervento. Questa assurda e triste storia proviene dalla Francia.

trapianto di polmoni fumatori

La donna aveva vissuto nella speranza di un trapianto

Come tutti i malati di fibrosi cistica, anche la sventurata protagonista di questa triste storia aveva vissuto quasi tutta la sua esistenza in attesa del trapianto di polmoni, un intervento salvifico per chi soffre di questa grave patologia.

Sottoposta a estenuanti cure, nel 2015 aveva ricevuto la grande notizia, ossia il fatto di essere in lista per il trapianto di polmoni. Le operazioni di questo tipo sono caratterizzate da diversi rischi, ma nessuno penserebbe mai allo sviluppo di un cancro. Questo è quello che purtroppo è successo alla donna in questione, alla quale è stato trapiantato il polmone di una cinquantenne deceduta per morte cerebrale.

Il problema è che questa donatrice aveva fumato per 30 anni. Dal momento che i suoi organi non presentavano alcuna anomalia, una volta ricevuta l’autorizzazione dei familiari i medici hanno portato avanti l’espianto per un successivo trapianto.

Le cose si sono complicate notevolmente quando, nel 2017, la donna ricevente ha scoperto di avere un cancro. I medici si sono chiaramente interrogati sul motivo di una crescita considerata fin da subito anomala, arrivando a puntare il dito verso i farmaci immunosoppressori, assunti dalla donna per abbassare il rischio, frequentissimo in casi del genere, di rigetto degli organi.

Questa tristissima vicenda ha attirato l’attenzione dei media e per fortuna anche quella di molti medici, che hanno cominciato a interrogarsi sull’importanza di risalire alla storia clinica dei donatori di organi, ma anche sulle abitudini che, come il tabagismo, sono in grado di influenzare nel corso degli anni lo stato di salute.

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *