Cremor Tartaro: cos’è, come si usa e dove si compra

Cremor tartaro cos è? Il cremor tartaro è un sale di potassio dell’acido tartarico, conosciuto col nome scientifico di bitartrato di potassio o idrogenotartrato di potassio.

Utilizzato in cucina in quanto è un ingrediente completamente naturale, generalmente estratto dall’uva o ottenuto come sottoprodotto dal residuo di lavorazione del vino, senza additivi aggiunti.

In quali cibi puoi trovare il cremor tartaro? Lo si trova anche in molti altri alimenti essendo un acido organico presente in essi come :

  • tamarindo
  • patate
  • cetrioli
  • ananas

Il cremor tartaro è possibile utilizzarlo solo o con aggiunta di bicarbonato a seconda dell’uso culinario o casalingo che se ne vuole fare.

Proprietà del cremor tartaro

Cremor Tartaro
Cremor Tartaro

Il cremor tartaro è una valida alternativa al lievito classico grazie alle sue proprietà che lo rendono un prodotti adatto a vegetariani e vegani perché non contiene stabilizzanti di origine animale.

Inoltre i suoi vantaggi sono di essere:

  • inodore e insapore
  • leggero e digeribile
  • adatto a persone allergiche ad agenti lievitanti o intolleranti
  • glutin free indicato quindi anche per i celiaci
  • istantaneo

Cremor tartaro dove si compra?

Il cremor tartaro è possibile oggi comprarlo nei supermercati della grande distribuzione, nei negozi biologici e anche su internet ad un prezzo davvero ottimo.

Confezionato in bustine anche monodose con o senza l’aggiunta di bicarbonato, spesso si trova con la scritta “lievito naturale” o “polvere lievitante naturale”.

In passato era possibile reperirlo solo nelle farmacie con la vendita a peso. Vediamo alcuni esempi di Cremor tartaro di qualità:

Polvere Lievitante - Cremor Tartaro per Dolci
Senza aggiunta di fosfati

Voto medio su 30 recensioni: Da non perdere

€ 1.99


Come si usa

Il cremor tartaro si utilizza principalmente per la realizzazione di ricette culinarie ma non è il solo impiego che se ne può fare essendo una sostanza molto versatile trova impiego anche nelle pulizia quotidiane.

Vediamo come si utilizza

Uso in cucina

In cucina è utilizzato esattamente come il lievito classico, si può setacciare come le farine essendo i polvere.

Le bustine da circa 16 grammi sono la dose giusta per la realizzazione di un dolce casalingo classico come una torta.

Si può usare come stabilizzante o come agente lievitante nei seguenti modi:

Stabilizzante per

  • stabilizzare gli albumi, aumentandone il volume e la resistenza al calore come nella preparazione delle meringhe
  • stabilizzare la panna montata,mantenendone volume e consistenza
  • utilizzato come addensante e anti agglomerante

Le meringhe si possono preparare montando 6 albumi d’uovo con 70 grammi di zucchero a velo aggiungendo un quarto di cucchiaino di cremor tartaro.

Agente lievitante

Come abbiamo detto si utilizza esattamente come i lieviti chimici in quanto è in grado di far lievitare sia impasti dolci che salati.

La reazione che lo fa diventare un agente lievitante sta nella chimica che avviene grazie alla sua acidità, mescolata con acqua e a bicarbonato che provoca la scissione del bicarbonato e la produzione di anidride carbonica gassosa. Questo permette all’impasto di lievitare grazie alla formazione di bolle che si gonfiano e rendono l’impasto morbido, soffice e leggero.

Uso casalingo

Oltre alle preparazioni culinarie come abbiamo visto è possibile utilizzare il cremor tartaro per le pulizie domestiche essendo un sale acido e fra gli usi casalinghi più comuni si può:

  • usare per ravvivare capi bianchi mettendoli in ammollo per una notte con acqua tiepida, la quantità di cremor tartaro sarà un cucchiaino per ogni litro di acqua
  • lucidare il rame si addiziona con qualche goccia di limone, si lascia agire qualche minuto e si deterge poi con spugna e acqua
  • eliminare macchie resistenti dagli abiti miscelando un cucchiaino di cremor tartaro con uno di detersivo liquido per il bucato naturale come il sapone di marsiglia e lasciando agire sulla macchia per circa 10 minuti, poi risciacquare.
  • pulire l’acciaio applicando un cucchiaino sulle macchie e lasciandolo agire per circa 5 minuti, poi risciacquare
  • detergere le superfici in ceramica basta miscelare 3 cucchiaini di cremor tartaro e tre di aceto, lasciare agire qualche minuto e poi lavare con una spugnetta e acqua
  • scrostare pentole e stoviglie che vanno lasciate in ammollo con 2 cucchiaini di cremor tartaro in acqua tiepida per 15 minuti e poi lavati con acqua fredda

E’ un’alternativa ai detersivi e detergenti chimici che inquinano l’ambiente oltre a essere nocivi per la salute e creare spesso allergie.

 

About Silvia Terracciano

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *