Pillola anticoncezionale Novadien: come funziona e effetti collaterali

Novadien pillola anticoncezionale parliamo del suo funzionamento ed effetti collaterali

Al giorno d’oggi tutti dovremmo essere a conoscenza dell’importanza dei metodi contraccettivi: per fare sesso sicuro infatti, è opportuno proteggersi sempre e comunque per non correre il rischio di intercettare qualche malattia sessualmente trasmissibile, oppure in gravidanze indesiderate.

L’unico metodo contraccettivo in grado di proteggerci da possibili malattie è il preservativo, il metodo da preferire nel caso si abbiamo rapporti occasionali.

Per chi invece ha un partner fisso con cui esegue tutti i controlli periodici del caso, il metodo contraccettivo più scelto è sicuramente la pillola, dove la “patata bollente” passa alle donne.

La pillola anticoncezionale (come il Novadien) infatti viene assunta dalle donne, che dovranno fare attenzione a non dimenticarsene ed anche ad assumerla indicativamente alla stessa ora ogni giorno.

Per poterne usufruire, ogni donna dovrà recarsi dal ginecologo di fiducia che, attraverso una serie di esami, potrà indicare quale pillola è più adatta a voi.

La pillola anticoncezionale infatti non è universale: A seconda delle nostre esigenze avrà un dosaggio più alto o basso e quindi anche un nome diverso come ad esempio “Novadien” o “Yasmine”.

Come funziona la pillola anticoncezionale?

Pillola anticoncezionale
Pillola anticoncezionale

In poche parole la pillola contiene degli ormoni che vanno ad impedire non solo l’ovulazione, ma anche ad apportare vari cambiamenti nell’organismo che ci impediscono di incorrere in una gravidanza.

In pratica il muco cervicale diventa molto più spesso grazie alla pillola e dunque l’ingresso dello sperma è decisamente più difficoltoso, inoltre le pareti dell’utero si assottigliano e dunque la probabilità dell’impianto di un ovulo fecondato è pressoché improbabile.

Di pillola anticoncezionale ne esistono essenzialmente di due tipi:

  • pillola anticoncezionale a 21 giorni, da prendere appunto alla stessa ora tutti i giorni ed attendendo una settimana prima di iniziare il nuovo ciclo
  • pillola anticoncezionale a 28 giorni, dove la pillola viene presa anche in questo caso tutti i giorni alla medesima ora, dove le prime 21 capsule contengono ormoni mentre le altre possono contenere combinazioni diverse con o senza ormoni. Nei giorni in cui si assumeranno quelle senza quest’ultimi, avremo il ciclo mestruale.

Sebbene la pillola anticoncezionale sia uno dei metodi contraccettivi più utilizzati al mondo, molte donne ancora si fanno spaventare dall’utilizzo soprattutto per quanto riguarda i suoi tanto decantati effetti collaterali.

Nel web infatti, ma non solo, si sente spesso parlare di aumento di peso e crescita di peli superflui, due parole in grado di scatenare il panico nella mente di ogni donna. A questo proposito però è bene informarsi.

Pillola anticoncezionale benefici

Prima di passare all’altro lato della medaglia, cioè degli effetti collaterali della pillola anticoncezionale, è bene anche informarsi su quali siano invece i benefici di questo specifico farmaco.

Aldilà della funzione contraccettiva infatti, la pillola apporta veri e propri benefici alla nostra salute, soprattutto per quanto riguarda il tanto odiato ciclo mestruale.

Grazie alla pillola infatti i dolori legati al ciclo saranno sensibilmente ridotti, sarà più regolare e, cosa da non sottovalutare, risulterà anche meno intenso e più breve.

Se l’idea di sbarazzarvi in fretta del ciclo senza provare un dolore lancinante non vi basta a farvi propendere per l’utilizzo della pillola, sappiate che questa viene utilizzata anche per curare i vari disturbi che apportano grandi perdite di sangue, come ad esempio fibromi o endometriosi, oppure per equilibrare disturbi ormonali o addirittura per ridurre e tenere sotto controllo l’acne.

Questi sono in definitiva i “pro” che servono a farci propendere per la scelta e l’utilizzo della pillola anticoncezionale.

Per quanto riguarda invece i “contro”, andiamo a vedere quali sono gli effetti collaterali.

Pillola anticoncezionale effetti collaterali

Pillola anticoncezionale effetti collaterali
Pillola anticoncezionale effetti collaterali

Innanzitutto sfatiamo il mito: non esiste alcuna ricerca o studio che riesca a mettere in relazione l’aumento di peso con l’uso della pillola, checché ne dicano media o siti web.

Quella che si può notare, e non sempre si riesce a farlo, può essere un po’ di ritenzione idrica principalmente concentrata sulla zona seno o fianchi. Gli estrogeni contenuti nella pillola infatti possono influire sulle cellule adipose andando ad ingrandirle, ma non facendone aumentare il numero.

In definitiva i reali rischi della pillola sono davvero pochi.

Questa infatti può aumentare leggermente la pressione e, a questo proposito, i medici consigliano di tenerla sempre sotto controllo nel caso in cui si decida di assumere questo particolare metodo anticoncezionale.

I maggiori rischi si hanno però con la pillola combinata, ovvero quella che contiene un estrogeno (di solito etinilestradiolo) combinato con un progestinico come appunto “Novadien”:

Rischi pillola combinata

  • trombosi venosa agli arti inferiori,
  • infarti e attacchi di cuore (il fumo aumenta notevolmente il rischio in questi casi),
  • calcoli alla cistifellea,
  • tumore al fegato ed al collo dell’utero.

Ovviamente stiamo parlando di casi estremi e particolari, di cui però è sempre bene essere informati.

In linea di principio, secondo i medici e le ricerche scientifiche effettuate, si consiglia di interrompere ogni tanto l’utilizzo in modo da non rischiare che questo sia troppo prolungato: Un uso eccessivo nel tempo infatti, senza interruzione alcuna, aumenta il rischio di soffrire di tumore al fegato e al collo dell’utero.

Per quanto riguarda invece il temuto tumore al seno le opinioni sono discordanti.

Alcuni studi non hanno rivelato alcun legame tra l’uso della pillola ed il suddetto tumore, mentre altri sono giunti alla conclusione opposta, per cui il nostro consiglio, nel caso vi preoccupi un eventuale tumore o nel caso in cui abbiate già avuto episodi in famiglia della malattia, è quello di rivolgervi al vostro medico ginecologo di fiducia per consigli e delucidazioni.

Oltre ai vari rischi più o meno sporadici che si possono contrarre con l’utilizzo della pillola anticoncezionale, esistono anche dei possibili effetti collaterali e complicazioni che possiamo incontrare nel caso si decida di assumere la pillola in alcuni casi particolari in cui è opportuno valutare insieme al medico se iniziare o meno ad assumere la pillola.

Ecco l’elenco completo:

  • pressione alta
  • disturbi cardiaci
  • episodi precedenti di trombosi venosa
  • compresenza di diversi fattori di rischio per il cuore
  • età avanzata
  • fumo (scopri come purificare i polmoni dal fumo)
  • diabete
  • Cancro al seno
  • Emicranie con aura; emicranie senza aura in donne con più di 35 anni
  • Lupus eritematoso sistemico positivo o con positività incerta/sconosciuta agli anticorpi anti-fosfolipidi
  • Diabete con complicazioni
  • Tumore al fegato
  • Cirrosi acuta
  • Un complesso trapianto d’organo

Nel caso soffriate di una qualche particolare condizione, consultatevi con il ginecologo in modo da trovare la pillola o il metodo contraccettivo alternativo ideale.

Abbiamo quindi parlato del funzionamento della pillola e dei suoi pro e contro, ma girovagando per il web, possiamo vedere come due domande tra tutte saltano agli occhi sull’utilizzo della pillola:

La pillola può ritardare le mestruazioni?

Questa è la prima domanda che viene posta più spesso nei vari forum, e la risposta è: Sì, ma con riserva.

In teoria è possibile utilizzarla per ritardare o addirittura saltare completamente il ciclo, andando a continuare ed iniziare un nuovo blister senza effettuare la pausa.

Nella pratica però, si consiglia sempre di consultarsi con il medico e in generale di non effettuare troppo spesso questa interruzione innaturale.

Dai uno sguardo all’articolo che tratta i sintomi della sindrome premestruale

Come interrompere la pillola se voglio una gravidanza?

Questa è invece la seconda domanda più frequente. In questo caso l’ovulazione avviene due settimane dopo la sospensione della pillola per cui dopo il periodo indicato è possibile rimanere incinte.

Alla fine però è bene ricordare che non esiste un metodo contraccettivo più giusto di altri e la pillola anticoncezionale non deve venire né screditata ma nemmeno osannata:

Il trucco infatti è consultare un bravo ginecologo che, attraverso anamnesi ed esami del caso, possa aiutarci a capire qual è il metodo anticoncezionale più adatto al nostro corpo ed alle nostre esigenze.

About Giulia Maffei

Lascia il tuo commento qui sotto:

2 comments

  1. Si può associare l’assunzione della pillola a capsule depura fegato? Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *