depurarsi-in-modo-naturale

Quale acqua scegliere in bottiglia: residuo fisso, gravidanza e oligominerale

Ti sei mai chiesto quale acqua minerale in bottiglia fosse meglio scegliere? Come orientarsi nella scelta delle acque minerali e oligominerali in caso di gravidanza, allattamento, osteoporosi e malattie croniche, questa guida ti aiuterà verso la scelta su quale acqua scegliere.

Quante sono le acque minerali in commercio? Tantissime! Sono sicura che spesso ti sarai chiesto perché. Nel peggiore dei casi compri l’acqua in offerta e non controlli l’etichetta.

Niente di più sbagliato! Ogni tipo di acqua ha delle caratteristiche precise e per sceglierne una adatta alle proprie esigenze è importante saper leggere l’etichetta.

Scopriamo insieme questo mondo bellissimo e cerchiamo di capire quali acque sono più adatte in ogni occasione e per i diversi casi di salute e forma fisica!

Quale acqua scegliere

Quale acqua scegliere

Quale acqua scegliere? Iniziamo dal residuo fisso

Cosa è il residuo fisso?  Come si classificano le acque minerali e oligominerali in base alla quantità di residuo fisso?

Il residuo fisso è una delle prime voci da controllare in etichetta ed esprime la quantità di sali disciolti in un litro d’acqua. Il residuo fisso viene convenzionalmente calcolato a 180° e il suo valore viene riportato generalmente in milligrammi per litro (mg/l).

In base al residuo fisso l’acqua minerale naturale si distingue in:

  1. Acqua oligominerale o leggermente mineralizzata 
    (residuo fisso non superiore a 500 mg/l): favorisce la diuresi e contiene poco sodio e quindi può essere indicata nei casi di ipertensione.

Esse rappresentano il 56% delle acque italiane in bottiglia e la maggior parte dell’acqua potabile distribuita dagli acquedotti italiani. Favoriscono inoltre l’espulsione di eventuali calcoli urinari.

Con un residuo fisso superiore ai 50 mg/litro (e che rientrano nelle acque oligominerali) troviamo:

  • Acqua Norda (sorgente Daggio):Residuo Fisso a 180 °C 62 mg/litro
  • Acqua Levissima: Residuo Fisso a 180 °C 78.2 mg/litro
  • Acqua Fiuggi: Residuo Fisso a 180 °C 123 mg/litro
  • Acqua Maniva: Residuo Fisso a 180 °C 125 mg/litro
  • Acqua Panna: Residuo Fisso a 180 °C 142 mg/litro
  • Acqua Rocchetta: Residuo Fisso a 180 °C 177.07 mg/litro
  • Acqua San Benedetto: Residuo Fisso a 180 °C 271 mg/litro
  • Acqua Evian: Residuo Fisso a 180 °C 309 mg/litro
  • Acqua Vitasnella: Residuo Fisso a 180 °C 382 mg/litro
  1. Acqua minimamente mineralizzata
    (residuo fisso, non superiore a 50 mg/l): è un’acqua “leggera”, stimola la diuresi ed è particolarmente indicata per la ricostituzione di latte ed alimenti per l’infanzia.

Rappresentano il 9% delle acque minerali in commercio in Italia. Sono acque a minor contenuto di Sali, quindi il loro assorbimento è molto rapido.

Questa tipologia di acqua è adatta ai soggetti che necessitano di una dieta a basso contenuto di sodio, come ad esempio soggetti con ipertensione arteriosa, edematosi, ascitici, nei casi di elevata ritenzione idrica.

Ecco l’elenco completo delle acque leggermente mineralizzate in commercio in Italia!

  • Acqua Lauretana: Residuo Fisso a 180 °C 14 mg/litro (Distribuita in quasi tutte le regioni italiane è l’acqua con il minor residuo fisso d’Europa)
  • Acqua Monterosa: Residuo Fisso a 180° C 14.7 mg/litro (nei negozi di prodotti biologici)
  • Acqua CRAI – Fonte delle Alpi (Sorgente Seccarezze): Residuo Fisso a 180 °C 16.9 mg/litro (Distribuita nei punti vendita CRAI)
  • Acqua Sant’Anna (Sorgente Rebruant): Residuo Fisso a 180 °C 22.3 mg/litro
  • Acqua Billa (Sorgente Martina): Residuo Fisso a 180°C 23.7 mg/litro (Distribuita nei punti vendita Billa)
  • Acqua Amorosa Humana: Residuo Fisso a 180 °C 25 mg/litro (In Farmacia)
  • Acqua Fonte Vallechiara: Residuo Fisso a 180 °C 28.5 mg/litro
  • Acqua S. Bernardo (Sorgente Rocciaviva): Residuo Fisso a 180 °C 35.5 mg/litro
  • Acqua Valverde (Spumador): Residuo Fisso a 180°C 37.5 mg/litro
  • Acqua Pian della Mussa (Fonte Sauzè): Residuo Fisso a 180°C 37.8 mg/litro (Distribuita in Piemonte)
  • Acqua Sant’Anna (Sorgente Vinadio): Residuo Fisso a 180°C 42.8 mg./litro
  • Acqua Iper – AlteVette (Fonti Vinadio): Residuo Fisso a 180 °C 44.5 mg/litro (Distribuita nei punti vendita Iper)
  • Acqua Eva (Sorgente Fontanone): Residuo Fisso a 180 °C 47 mg/litro
  • Acqua Alpi Bianche (Fonti Vinadio): Residuo Fisso a 180 °C 48.9 mg/litro
  • Acqua Eva (Sorgente Rocce Azzurre): Residuo Fisso a 180 °C 49 mg/litro
  1. Acqua mediominerale
    (residuo fisso compreso tra 500 e 1.500 mg/l): è utile in estate o durante la pratica di attività sportive, perché consente di reintegrare i liquidi ed i minerali persi con la sudorazione.

L’elenco è in questo caso impossibile da fare, perché rientra in questa categoria la stragrande maggioranza dei marchi esistenti in commercio.

La maggior è parte ricca in ioni bicarbonato e calcio pertanto è utile per una buona mineralizzazione ossea. Grazie all’elevato apporto di calcio, queste acque sono indicate in specifici periodi della vita quando la sola alimentazione non sempre è in grado di soddisfare gli aumentati fabbisogni: durante l’accrescimento, la gravidanza e l’allattamento, in età avanzata, in caso di osteoporosi.

  1. Acqua ricca di sali minerali
    (residuo fisso superiore a 1.500 mg/l): è un’acqua terapeutica, ricca di sali, da bere sotto controllo medico.

Sconsigliate per il consumo quotidiano, sono solitamente usate a scopo terapeutico per l’elevata presenza di sodio, solfati, potassio, magnesio e altri Sali.

Le acqua ricche di sali minerali devono sempre essere assunte sotto controllo medico al fine di evitare la comparsa di effetti indesiderati quali ad esempio un’azione purgativa o rischi nell’ipertensione arteriosa.

Sali minerali nell’acqua in bottiglia

Le acque si possono poi suddividere a seconda del tipo di sali minerali che contengono:

  • “contenente bicarbonato” HCO 3 (il tenore di bicarbonato è superiore a 600 mg/l): è indicata nell’ipersecrezione gastrica e nelle patologie renali.
  • “solfata” (il tenore dei solfati è superiore a 200 mg/l): è lievemente lassativa e quindi indicata in caso d’insufficienze digestive.
  • “clorulata” (il tenore di cloruro è superiore a 200 mg/l): ha azione equilibratrice dell’intestino, delle vie biliari e del fegato. Ha inoltre azione lassativa e purgativa tipica delle acque salse o salso solfate.
  • “calcica” Ca++ (il tenore di calcio è superiore a 150 g/l): agisce a livello dello stomaco e del fegato. E’ indicata nella crescita e prevenzione dell’osteoporosi e dell’ipertensione.
  • “magnesiaca” Mg++ (se il tenore di magnesio è superiore a 50 mg/l): svolge prevalentemente un’azione purgativa, ma trova anche indicazioni nella prevenzione dell’arteriosclerosi.
  • “fluorata” o “contenente fluoro” (il tenore di fluoro è superiore a 1 mg/l): utile per rinforzare la struttura dei denti e per la prevenzione della carie dentale.
  • “ferruginosa” o “contenente ferro” (il tenore di ferro bivalente è superiore a 1 mg/l): indicata nelle anemie da carenza di ferro.
  • “acidula” (il tenore di anidride carbonica libera è superiore a 250 mg/l): facilita la digestione.
  • “sodica” (il tenore di sodio è superiore a 200 mg/l): influenza positivamente l’eccitabilità neuro-muscolare. Indicata in stati di carenze specifiche e nell’attività sportiva.

Non fidarti della sensazione della sete per bere: percepirla è già indice di disidratazione! Per bere di più, puoi modificare lievemente la temperatura dell’acqua o utilizzarla nella preparazione di tisane ed infusi.

Leggi qui i nostri articoli di approfondimento sulle tisane e i benefici che possono donarti

E’ meglio distribuire l’acqua nell’arco dell’intera giornata, Ad esempio, potrebbe essere utile bere un bicchiere di acqua al mattino, uno dopo ogni minzione e 500 ml ai pasti o tra i pasti. Chi soffre di problemi digestivi dovrebbe di preferenza bere lontano dai pasti.

Il waterzine In a bottle, curato dal gruppo San Pellegrino, ci ha intervistati sul valore dell’acqua e della corretta idratazione. Puoi leggere, commentare e condividere la nostra intervista proprio sul sito di questo importante magazine dedicato al mondo dell’acqua e agli usi legati al benessere.

In modo particolare, ha suscitato grosso interesse da parte dei giornalisti la nostra “Guida alla scelta dell’acqua”,  un omaggio per chi decide di iscriversi alla nostra newsletter e rimanere aggiornato su tutte le novità nel campo della depurazione.

Cosa trovi nella “Guida alla scelta dell’acqua”?

Tanti sono gli argomenti che vengono affrontati, nonostante la guida sia molto snella. E’ stata strutturata in maniera schematica per fornire maggiori informazioni possibili in maniera semplice, ma scientifica.

Ecco tutto quello che puoi trovare:

  • Cos’è il residuo fisso
  • come scegliere l’acqua in base al residuo fisso
  • cos’è un’acqua oligominerale
  • cos’è un’acqua minimamente mineralizzata
  • cos’è un’acqua mediominerale
  • cos’è un’acqua ricca di minerali
  • quando scegliere un’acqua piuttosto che un’altra
  • come classificare le acque più vendute e quando usarle in base al residuo fisso
  • come classificare le acque in commercio in base al contenuto di sali minerali e quando utilizzarle.

depurarsi con l'acqua

Abbiamo scelto di produrre questa guida per dare indicazioni pratiche e preziose per la scelta dell’acqua. Non solo è importante depurarsi con l’acqua giusta, ma si possono anche curare alcune malattie ed alleviare parecchi disturbi proprio idratandosi correttamente ed abbondantemente.

Come depurarsi con l’acqua giusta?

Cerca prima di tutto di fare alcune riflessioni. In base alla tua età, alle tue abitudini di vita e al tuo programma di depurazione, ma anche ai tuoi piccoli o grandi disturbi fisici, avrai fabbisogni diversi. L’importante è che ti ricordi di idratarti molto e nella maniera che più ti piace (anche tisane e succhi vanno benissimo!).

Scoprilo richiedendo la tua copia gratuita con l‘iscrizione al sito ed alla newsletter.

In questo modo, puoi anche rimanere aggiornato riguardo agli argomenti che trattiamo nei nostri articoli. E se c’è qualche argomento che ti piacerebbe esplorare insieme a noi, scrivi alla redazione oppure lascia un commento!

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

... ...