depurarsi-in-modo-naturale

Dieta per diabetici: alimentazione cosa mangiare e cibi da evitare

Il diabete è una patologia scatenata da un mal funzionamento del pancreas, che comporta un aumento alterato dell’insulina e quindi degli zuccheri nel sangue. Questa malattia se trascurata può comportare delle complicazioni maggiori, e interessare anche altre parti e organi del corpo, come gli occhi, il cuore, la circolazione venosa, i reni, il fegato e gli occhi.

Quando si parla di diabete, subito pensiamo a tanti cibi da evitare, bibite da evitare, regime alimentare restrittivo e a una dieta per diabetici con pietanze e alimenti molti circoscritti. In effetti, se purtroppo ti trovi a convivere con questa malattia, sicuramente saprai che lo zucchero e così tutti i cibi che contengono un’importante componente dolce, sono nemici della tua salute. Molto utile anche conoscere gli alimenti che tengono lontano il diabete.

Dieta per diabetici cosa mangiare e cosa non mangiare

La dieta per i diabetici, effettivamente, dice che alcuni cibi sono da evitare, ma ti permette comunque di avere un’alimentazione variegata e differenziata.

Ciò che conta molto nella dieta per i diabetici sono le quantità delle porzioni, soprattutto quando si parla di pasta e pane e dei carboidrati in generale. Questi, infatti, hanno una componente dolce molto importante, per cui, vanno assunti con moderazione e con una quantità misurata. Generalmente la pasta e il pane li puoi comunque assumere nella tua dieta quotidiana, basta che impari a mangiarne nelle dosi consigliate, che sono indicate con circa 50, e 60 grammi circa.

Ciò che non sai sul Cibo che potrebbe salvarti la Vita
I farmaci nel cibo
• I danni della caseina
• Cibo cotto o cibo crudo?
• Alimentazione e malattie
• La vera dieta mediterranea
• Quando il sistema immunitario si ribella
• Le diete iperproteiche: dalla padella alla brace
• Perché mangiamo carne: la verità sulle proteine

La dieta per i diabetici non è difficile individuarla, se vuoi alimentarti nel modo sano e giusto, per te, che sei diabetico, basterà eliminare o consumare con molta parsimonia alcuni alimenti particolari.

Diabete cibi da evitare, cosa non mangiare?

Il saccarosio, lo zucchero che conosciamo tutti in cucina, è contenuto con una quantità molto esigua nella tua dieta, parliamo di massimo 15/20 grammi quotidiani. Devi tener conto che molte merendine e snack hanno una componente importante di zucchero, per cui vanno consumate moderatamente o addirittura evitate.

Per dolcificare le bevande tipo latte o tè e caffè, sarebbe meglio imparare a usare dolcificanti naturali come quelli che vedi elencati tra poco, o se il tuo gusto personale lo permette, di bere queste bibite addirittura senza zucchero, e quindi amare.

Assolutamente da evitare i dolcificanti artificiali come l’aspartame (qui spiegato perché nel dettaglio)

Dolcificanti naturali

  • Xilitolo di Betulla –>>lo trovi qui
    Lo xilitolo venne scoperto quasi simultaneamente da chimici francesi e tedeschi sul finire del XIX secolo e divenne popolare in Europa come dolcificante adatto ai diabetici perché non ha impatto sui livelli di insulina.
    Informazioni per l’uso:

    • da dosare 1:1 come lo zucchero
    • per la dolcificazione di alimenti e bevande
    • per la cura dentale
    • basso indice glicemico (7-13)
    • conservare come si fa normalmente con lo zucchero
  • Succo di Agave –> lo trovi qui
    Dolcificante Vegan estratto dall’agave,
    come il miele dolcifica qualsiasi bevanda, donando un sapore unico!Grazie al suo gusto neutro che non altera il gusto dei cibi si presta al consumo caldo, freddo o alla preparazione di prodotti da forno.Anche il miele, nonostante sia un alimento molto nutritivo e amico della salute, purtroppo per la sua caratteristica molto dolce, va eliminato dalla dieta per i diabetici.
Dieta per diabetici

Dieta per diabetici

Una serie di altri alimenti che sono esclusi dalla dieta del diabetico sono

  • la marmellata (sotto vedrai la ricetta della marmellata senza zucchero per diabetici)
  • il cioccolato,
  • ma anche sughi molto elaborati con soffritti. 

Alcuni cibi che magari spesso mangi in sostituzione al pane sono da eliminare:

  • come grissini e cracker non sono indicati per i diabetici, meglio mangiare sempre una modica quantità di pane, circa, 40,50 grammi, invece che dei suoi sostituti.
  • Anche la frutta secca, come mandorle, noci e arachidi sono da cancellare dalla dieta per diabetici.
Fermare e Guarire il Diabete - Crudo & Semplice

Voto medio su 21 recensioni: Da non perdere

Cosa possono mangiare i diabetici? Come comporre la tua dieta diabetica

Adesso, vediamo come comporre la tua dieta diabetica. La carne e il pesce sono di certo i cibi che puoi mangiare con tranquillità, avendo cura, ovviamente di evitare soffritti e fritture e condimenti troppo elaborati. Ovviamente a livello salutare la carne e il pesce non possiamo consigliarli in quanto le proteine animali sono nocive per la nostra salute.

La frutta e la verdura sono sempre indicati in tutte le diete, ma se sei diabetico, purtroppo alcune forme di frutta troppo dolci, sono da escludere dalla tua dieta.

Quale frutta evitare?

Le banane, i fichi e l’uva sono molto zuccherate, e quindi da assumere con esagerata parsimonia.

No anche alle bibite gassate con le bollicine così come anche i succhi di frutta, non sono indicati per i diabetici, tuttavia possono consigliarti di prepararti delle ottime bevande con i cibi al naturale.

Si ai centrifugati di verdura e frullati di frutta consentita, di permettono di concederti delle bevande da consumare in ogni momento della giornata, bevanda da sostituire all’acqua, che dovresti bere nella quantità di un litro e mezzo, per garantire una buona funzionalità dei reni, che purtroppo spesso sono coinvolti dall’aggravarsi della malattia diabetica.

Marmellata senza zucchero per diabetici ricetta

La marmellata, dolcissima conserva di frutta cotta con lo zucchero, è da sempre protagonista della colazione di moltissimi italiani, che ne apprezzano il sapore ricco e le proprietà nutrizionali.

Di solito, però, si pensa che la marmellata, proprio a causa del suo alto contenuto di zucchero, sia del tutto off-limits per alcune categorie di persone, e in particolar modo per i diabetici.

Ma è possibile preparare in casa un’ottima marmellata senza zucchero e senza altri dolcificanti aggiunti che sia adatta anche per diabetici? La risposta è sì, ed è più facile di quello che si potrebbe pensare. Il segreto sta nella pectina, una sostanza addensante naturalmente presente nella frutta, e nelle mele in particolare, che vi aiuterà a creare una composta densa senza bisogno di ricorrere allo zucchero.
Qui di seguito vi proponiamo una ricetta gustosa e veloce: provatela e usatela come base per tante altre varianti, a seconda del vostro gusto personale.

marmellata senza zucchero per diabetici

marmellata senza zucchero per diabetici

Differenza tra confettura e marmellata 

Con “marmellata” si intende una preparazione a base di agrumi, mentre per altri tipi di frutta si parla di “confettura”.

Marmellata di albicocche senza zucchero

Ingredienti

– 1 kg di albicocche ben mature
– 2 mele
– il succo di un limone
– 1 bicchiere d’acqua

DIFFICOLTÀ: facile
TEMPO DI PREPARAZIONE: 15 minuti
TEMPO DI COTTURA: 40 minuti

Preparazione Marmellata di albicocche senza zucchero

Lavate, asciugate e denocciolate le albicocche (se utilizzate frutta biologica potete anche decidere di non sbucciarla). Dopo aver rotto alcuni noccioli (aiutatevi con uno schiaccianoci), bollitene per qualche minuto le mandorle e tenetele da parte. Tagliate le albicocche a pezzetti, unitevi le mele affettate e irrorate il tutto con il succo di limone, lasciando riposare per almeno un’ora.
A macerazione ultimata, versate la frutta in una pentola, aggiungete un bicchiere d’acqua e fate cuocere a fuoco lento per circa 40 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Poco prima di togliere dal fuoco, aggiungete le mandorle sbollentate (è un piccolo segreto che darà alla vostra confettura un sapore particolare e piacevole). Se si desidera una consistenza più omogenea, senza pezzettoni, è possibile passare la confettura con un frullatore a immersione poco prima di ultimare la cottura.

Invasate a caldo in barattoli di vetro preventivamente sterilizzati (è sufficiente passarli in forno a 130 gradi per una ventina di minuti o per 20-45 secondi in microonde alla massima potenza), quindi capovolgeteli e fateli raffreddare completamente (consigliamo di lasciarli riposare per almeno una giornata) prima di riporli in dispensa.
Questa confettura si conserva fino a 3 mesi e, una volta aperta, va tenuta in frigorifero e consumata entro 5-7 giorni. Può essere utilizzata sia così com’è, spalmata sulle fette biscottate per la prima colazione, sia come base per preparare gustose crostate.

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

... ...