depurarsi-in-modo-naturale

Sentire troppo freddo può essere segno di un problema di salute

Sentire troppo freddo può essere spia di un problema di salute a livello fisico o psicologico. A dirlo è la scienza. La percezione del freddo cambia da persona a persona. C’è chi è particolarmente freddoloso e chi, invece, non ha particolari problemi da questo punto di vista. Nel primo dei due casi bisogna fare attenzione, in quanto soffrire troppo il freddo può essere il segnale di qualcosa che non va.

I problemi di chi sente troppo il freddo

Chi sente troppo il freddo può avere diversi problemi. Uno di questi è l’ipotiroidismo, ossia la tiroide che rallenta la sua azione, con ovvie conseguenze anche sul metabolismo, che risulta decisamente più lento.

Una patologia tipica in questo caso è la tiroidite di Hashimoto, caratterizzata dal sistema immunitario che attacca la tiroide. Le  conseguenze di questa condizione vanno dall’aumento di peso, alla stitichezza, fino alla caduta dei capelli e alla perdita di regolarità del ciclo mestruale.

Un altro problema che può celarsi dietro all’eccessiva sensazione di freddo è l’anemia. Chi soffre di questa condizione, non ha abbastanza globuli rossi per trasportare ossigeno. Una delle principali conseguenze dell’anemia riguarda un generale rallentamento della circolazione ematica, motivo per cui i piedi e le mani sono freddi.

La situazione appena descritta può essere anche un sintomo della malattia di Raynaud, che si caratterizza per vasospasmi a livello della mano. Chi soffre di questa patologia ha spesso le dita delle mani e dei piedi rosse o bluastre e avverte una fastidiosa sensazione di intorpidimento.

Il freddo, soprattutto a livello delle mani, è comune anche nel caso di altre patologie. Uno degli esempi più comuni che si possono fare è quello della sindrome del tunnel carpale, per non parlare dell’artrite reumatoide.

Può capitare di sentire troppo freddo anche in caso di assenza di sonno – dormire bene è fondamentale per regolare la temperatura corporea – e di ansia.

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *