Depurarsi in modo naturale

Bruciore di stomaco in gravidanza

Antiacidi naturali in gravidanza, quali scegliere per disturbi gastro intestinali e bruciore di stomaco in gravidanza?

Antiacidi naturali in gravidanza

Durante la gravidanza sopratutto verso il termine spesso i problemi digestivi, il bruciore, l’acidità di stomaco e il reflusso tendono a peggiorare per via dello spazio ridotto che hanno gli organi. Alcune erbe possono venire in aiuto per alleviare questi disturbi senza ricorrere ai farmaci come Maalox, Gaviscon e Bianacid se non consigliati dal medico.

Malva

Bruciore di stomaco in gravidanza

Bruciore di stomaco in gravidanza

Un decotto di malva con semi di finocchio assunto dopo i pasti aiuta a favorire la digestione, ridurre il meteorismo e grazie alla presenza delle mucillagini della malva si un’azione protettiva delle pareti gastrointestinali e azione antinfiammatoria.

Decotto di Semi di Lino

Il decotto di semi di lino è indicato in caso di reflusso. Si crea mettendo 1 cucchiaio di semi in un pentolino, si aggiunge un dito di acqua, e si mette sul fuoco mescolando continuamente fino a quando si forma un gel.

A questo punto il decotto è pronto e può essere assunto mattina e sera contro il bruciore di stomaco in gravidanza.

Succo di Aloe Vera

L’ Aloe Vera è una pianta con foglie carnose dalle quali viene estratto il gel. Quest’ultimo è ricco di sostanze con proprietà antinfiammatorie e protettive simili a dei gastroprotettori.

L’assunzione di succo di aloe agisce così creando un velo sulle mucose dello stomaco che lo protegge dall’azione di erosione dei succhi gastrici.

Come ogni rimedio naturale è sconsigliata l’assunzione qualora si sia allergici alla pianta stessa.

Zenzero

Ricette con Zenzero fresco

Ricette con Zenzero fresco

Le proprietà dello zenzero aiutano a combattere e prevenire acidità e nausea. Ha un sapore abbastanza forte e non a tutti piace la radice di zenzero pura.

Lo zenzero lo si può trovare nei negozi specializzati in diverse forme come caramelle, candito o contenuto nei biscotti.

Un’assunzione consigliata è una tisana con aggiunta di limone che riduce il sapore dello zenzero.

Oltre all’uso di rimedi naturali per i disturbi della gravidanza è opportuno portare attenzione all’alimentazione.

Evitare di consumare fritti, bibite gasate, caffè, non mangiare troppo tardi la sera e andare a coricarsi subito.

Ti può essere utile il nostro articolo sui cibi da non mangiare in gravidanza.

Durante la giornata è bene fare tanti piccoli spuntini piuttosto che solo 2 o 3 pasti ma troppo abbondanti che affaticano stomaco e intestino e creano poi i disturbi di cui spesso si è soggetti.

Il Maalox é un farmaco che viene spesso consigliato per i problemi dello stomaco come acidità e bruciore, spesso quindi viene utilizzato il Maalox in gravidanza, essendo questi disturbi tipici della gestazione.

Inoltre è un farmaco di facile reperibilità perché si acquista in farmacia senza ricetta.

Biochetasi in gravidanza

Biochetasi in gravidanza

Biochetasi in gravidanza

Trattandosi di un farmaco di automedicazione molto ben tollerato, Biochetasi è adatto all’utilizzo anche in gravidanza, allattamento e in età pediatrica.

Anzi, Biochetasi è molto utilizzato proprio per alleviare disturbi intestinali tipici della gravidanza, quali le nausee gravidiche, e disturbi gastrici nei bambini come gastroenteriti, nausea ed acetone.

FotoProdottoPrezzoLink
BIOCHETASI POCKET - Integratore Alimentare Energetico da 18 CompresseBIOCHETASI POCKET - Integratore Alimentare Energetico da 18 CompresseEUR 9,90amazon affiliate button
OFFERTA 3X BIOCHETASI POCKET - Integratore Alimentare Energetico - 54 CompresseOFFERTA 3X BIOCHETASI POCKET - Integratore Alimentare Energetico - 54 CompresseEUR 20,77amazon affiliate button

Sono tantissime le future mamme che, soprattutto durante i primi mesi di gravidanza, sono soggette a quella comunemente definita “nausea gravidica”, che colpisce maggiormente nelle prime ore del mattino ma che, in molti casi, può persistere anche per tutto il giorno.

Nonostante le nausee accompagnino perlopiù le donne durante il primo trimestre di gestazione, è possibile che questo disturbo sia presente anche nei mesi successivi.

Più che una causa vera e propria, esistono una serie di fattori che rendono una donna soggetta a questo disturbo, tra cui: predisposizione genetica, alti livelli dell’ormone β HCG nonchè di estrogeni, problemi digestivi, carenze di vitamine, disfunzioni a carico della tiroide ed infezione da Helicobacter pylori.

Occorre, dunque, specificare che la presenza di nausea non è un fattore che deve destare preoccupazione.

Tuttavia, qualora tale fastidio dovesse diventare talmente intenso da non riuscire ad assumere cibo e liquidi a sufficienza, potrebbe effettivamente diventare un problema in quanto la donna rischia di trovarsi in una condizione di malnutrizione e/o disidratazione, specialmente se la nausea è accompagnata da episodi frequenti di vomito. In questo caso è importante consultare il proprio medico ed intervenire.

Oltre ad adottare piccole ma importanti accortezze come riposare il più possibile, trascorrere del tempo all’aria aperta e cercare di nutrirsi poco ma sovente con cibi sani e preparati con cotture leggere, un valido aiuto può venire da Biochetasi.

Infatti, l’acido citrico, citrato di sodio e potassio hanno un’azione antiacida e antiossidante, mentre le vitamine del gruppo B in esso contenute (B1, B2 e B6) riportano il metabolismo glucidico e lipidico nei livelli di norma e stimolano l’utilizzo di zuccheri e grassi.


La posologia consigliata è di due bustine per tre volte al giorno. Nonostante si tratti di un medicinale di automedicazione generalmente ben tollerato, è importante, comunque, sentire sempre il consiglio del proprio medico.

Maalox in gravidanza

I principi attivi di questo farmaco sono il magnesio idrossido e alluminio idrossido. Ora esiste in commercio anche il   Maalox® Plus che contiene in aggiunta il dimeticone.

È utile per combattere:

  • acidità di stomaco o iperacidità
  • meteorismo se presente il dimeticone
  • bruciore di stomaco
  • dolori gastrici provocati dalla secrezione acida
  • esofagiti da reflusso
  • ulcera gastroduodenale

Dosaggi raccomandati: Maalox prima o dopo i pasti?

Il Maalox lo  si trova sotto forma di compresse masticabili, bustine o di sciroppo.

Il dosaggio indicato, che resta invariato anche in caso di gravidanza, e se ne consiglia l’uso solo se strettamente necessario e  sotto stretto controllo del proprio medico curante è di :

  • 2 o 4 cucchiaini di sciroppo  da assumere tra 20 – 60  minuti dopo  i pasti
  • 2 o 4 compresse masticabili per non più di 4 volte al giorno  tra 20 – 60  minuti dopo  i pasti
  • 1 o 2 bustine da sciogliere in acqua da assumere tra 20 – 60  minuti dopo  i pasti

L’assunzione del Maalox è per tutte e tre le forme in commercio consigliata tra i 20 e i 60 minuti dopo il pasto e in alcuni casi anche prima di andare a dormire.

Maalox in gravidanza si può prendere o fa male?

Maalox in gravidanza

Maalox in gravidanza

Come tutti i farmaci anche il Maalox in gravidanza è da utilizzare solo se strettamente necessario, ma è bene far presente che è sconsigliato a maggior ragione se si soffre di insufficienza renale, o se si hanno avuto problemi ai reni nel passato.

I reni in gravidanza sono già sottoposti a stress non indifferente.

Il Maalox Plus, peraltro che contiene anche dimeticone, non è ancora stato sottoposto a studi che ne confermino la tolleranza in gravidanza o la possibilità di interagire col feto e creare danni.

In questo medicinale è presente il saccarosio pertanto è da tenere presente in caso si abbia una ridotta tolleranza al glucosio ed al fruttosio, nelle persone diabetiche in caso di gravidanza a rischio di diabete gestazionale.

E’ sconsigliato l’utilizzo in caso di allergia o intolleranza ai suoi componenti e in caso si assumano altri medicinali con determinati principi attivi che possono causare interazione.

Gaviscon in gravidanza

Gaviscon in gravidanza

Gaviscon in gravidanza

I sintomi del bruciore di stomaco e della cattiva digestione non hanno delle caratteristiche specifiche durante la gravidanza. Sono  innocui per madre e bambino ma possono essere dolorosi e provocare una sensazione di fastidio e disagio.

Il Gaviscon in gravidanza può risolvere o migliorare questi disturbi, da ricordare l’utilizzo sempre sotto stretto controllo medico parliamo sempre di un farmaco

Gaviscon è un valido aiuto per combattere nausea e bruciore di stomaco, ma se la futura mamma già soffriva precedentemente di gastrite, reflusso e problemi di stomaco, i sintomi difficilmente spariranno.

Il tipo di Gaviscon da assumere è lasciato alla scelte del ginecologo che valuta lo stato di salute e l’interazione con altri farmaci assunti dalla paziente, prescrivendo quello più adatto.

Uso e dosaggio di Gaviscon Advance in gravidanza

In caso di gravidanza il bugiardino non riporta indicazioni specifiche pertanto bisogna attenersi alle indicazioni del medico curante.

Il dosaggio indicato sul bugiardino indica:

10-20ml da assumere dopo i pasti e prima di coricarsi o pastiglie da masticare.

Durante la gravidanza l’assunzione non va protratta per oltre 10 giorni salvo diverse indicazioni del medico.

Controindicazioni e interazioni Gaviscon Advance in gravidanza

Gaviscon in gravidanza non ha specifiche controindicazioni se non quelle standard del farmaco stesso. Non deve essere assunto a chi soffre di ipersensibilità verso il principio attivo.

Eventuale interazioni con altri farmaci non è indica e si rimanda al consiglio del medico.

Bianacid e gravidanza

Bianacid può essere somministrato anche in gravidanza e nel periodo dell’allattamento.

Come abbiamo già descritto, è un prodotto naturale, privo di controindicazioni, ed inoltre, può essere di aiuto anche per i bambini al di sopra di sei anni, che possono soffrire di esofagite da reflusso, oppure a causa di mal digestione di determinati alimenti.

Bianacid Aboca, è un prodotto realizzato tramite agricoltura biologica.

Ha un gusto particolarmente gradevole e privo di glutine, per questo il suo impiego è consigliato anche a coloro che soffrono di celiachia, ovvero l’intolleranza permanente al glutine.


VOTA L'ARTICOLO
1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle6 Stelle7 Stelle8 Stelle9 Stelle10 Stelle

Approfondimenti su:



Non hai trovato le informazioni che volevi?

CERCA NEL SITO





Leave a Reply

Guida Gratis sui Cibi Disintossicanti. Clicca qui e scaricala subito!


Seguici su Facebook. Iscriviti per restare sempre informato!