depurarsi-in-modo-naturale

Gaviscon in gravidanza contro acidità e reflusso

Il bruciore di stomaco e la cattiva digestione possono essere disturbi comuni durante la gravidanza e lo diventano sempre di più con il passare dei mesi. 

Una delle cause può essere un picco di progesterone che causa rilassamento dello sfintere esofageo e gli acidi gastrici possono risalire lungo l’esofago. Si verifica così irritazione della mucosa gastrica e bruciore di stomaco.

L’altra causa verso il termine della gravidanza è la pressione che esercita il feto sul tratto digerente.

Uno dei farmaci di uso comune per combattere questi sintomi è il Gaviscon in gravidanza.

Gaviscon a cosa serve

Gaviscon è un farmaco che appartiene alla categoria di medicinali per trattare l’ulcera peptica e  il disturbo del reflusso gastroesofageo.

Viene utilizzato per trattare occasionalmente anche il bruciore di stomaco e il reflusso gastro-esofageo.

Non deve essere inteso come una terapia a lungo termine  ma solo come un farmaco di passaggio fino a identificare la terapia giusta col medico di fiducia per risolvere possibilmente i sintomi.

Acquista Gaviscon in offerta –>> Guarda il catalogo Gaviscon in offerta Aggiornato sul nostro sito di fiducia Amicafarmacia.com

In commercio si trovano 3 tipologie di Gaviscon che sono il classico, il gaviscon advance e il gaviscon bruciore indigestione.

Leggi il nostro articolo su benefici e dosaggio di Gaviscon bustine

I primi due, a base di acido alginico un polisaccaride che viene estratto dalle cosiddette alghe brune, hanno la capacità di proteggere le pareti della mucosa dello stomaco dai succhi acidi.

La terza tipologia è a base di sodio alginato, sodio carbonato e calcio carbonato, molecole con effetto antiacido.

Gaviscon in gravidanza

Gaviscon in gravidanza

Gaviscon in gravidanza

I sintomi del bruciore di stomaco e della cattiva digestione non hanno delle caratteristiche specifiche durante la gravidanza. Sono  innocui per madre e bambino ma possono essere dolorosi e provocare una sensazione di fastidio e disagio.

Il Gaviscon in gravidanza può risolvere o migliorare questi disturbi, da ricordare l’utilizzo sempre sotto stretto controllo medico parliamo sempre di un farmaco

Gaviscon è un valido aiuto per combattere nausea e bruciore di stomaco, ma se la futura mamma già soffriva precedentemente di gastrite, reflusso e problemi di stomaco, i sintomi difficilmente spariranno.

Il tipo di Gaviscon da assumere è lasciato alla scelte del ginecologo che valuta lo stato di salute e l’interazione con altri farmaci assunti dalla paziente, prescrivendo quello più adatto.

Uso e dosaggio

In caso di gravidanza il bugiardino non riporta indicazioni specifiche pertanto bisogna attenersi alle indicazioni del medico curante.

Il dosaggio indicato sul bugiardino indica:

10-20ml da assumere dopo i pasti e prima di coricarsi o pastiglie da masticare.

Durante la gravidanza l’assunzione non va protratta per oltre 10 giorni salvo diverse indicazioni del medico.

In gravidanza puoi provare anche un altro medicinale contro bruciore di stomaco, reflusso e acidità –>> Leggi l’articolo sul Maalox in gravidanza

Controindicazioni e interazioni

Gaviscon in gravidanza non ha specifiche controindicazioni se non quelle standard del farmaco stesso. Non deve essere assunto a chi soffre di ipersensibilità verso il principio attivo.

Eventuale interazioni con altri farmaci non è indica e si rimanda al consiglio del medico.

Alternative Naturali a Gaviscon in gravidanza

In primis, ma che vale anche per chi non è in gestazione, l’alimentazione deve essere adeguata e sana evitando cibi che favoriscano la risalita dei succhi gastrici.

Cibi da evitare

Fra questi cibi ci sono gli alimenti piccanti e acidi:

  • Cioccolata,
  • caffeina,
  • teina,
  • pomodori,
  • fritti,
  • bevande troppo calde
  • o gasate.
  • Evitare il consumo di alcool e di fumare.

Cenare un paio di ore prima di coricarsi e dormire in posizione semi seduta evita inoltre la risalita dei succhi gastrici.

Rimedi e consigli

L’assunzione di acqua con mezzo limone spremuto aiuta a combattere l’acidità di stomaco o consumare un pezzetto di pane a fine pasto aiuta ad assorbire gli acidi in eccesso.

La lattuga ha la capacità di regolare le secrezioni gastriche, un piattino ai pasti è consigliato come aiuto.

Fra i rimedi della nonna per eccellenza si trova il latte, che contrasta la produzione di acidi e i bruciori allo stomaco.

Un infuso di camomilla dopo i pasti e prima di coricarsi,oltre a essere rilassante, ha proprietà lenitive sulla mucosa gastrica.

LEGGI ANCHE –>> Camomilla in gravidanza, benefici e effetti collaterali

Aggiungendo dei semi di finocchio si potenzierà l’effetto digestivo e agirà anche su problemi di meteorismo e pancia gonfia.

Infine si raccomanda di mangiare poco e spesso facendo piccoli spuntini nella giornata e di non assumere più peso di quello raccomandato durante la gestazione.

Lascia il tuo commento qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

... ...